In Occasione dell’ Expo Bici di  Settembre, ci si è presentata la possibilità di testare numerosi modelli di vari brand. Queste biciclette, per molti bikers, sono attualmente ancora dei “sogni” e su di esse si scatena la curiosità. Come farci quindi sfuggire un’occasione così grossa per provare quante più bici potevamo? Le O.M.B.R.E al gran completo hanno partecipato al Test Day per testare tutte le novità e offrirvi un punto di vista diverso dai soliti che potrete nelle riviste, a volte sponsorizzati dalle aziende stesse: noi  vogliamo darvi il punto di vista del biker, quello che magari non ha dimestichezza con geometrie o particolari tecnicismi, l’opinione di chi va in bici,  la vive e la suda ( anche quando la compra!!).

Stay tuned per avere le informazioni dei vari modelli provati!!

La prima prova potrebbe essere molto interessante per chi si appresta a passare allo standard 27,5 pollici: la Nearco S 650 B , del famoso brand di origine padovana Torpado, progetto al quale collabora da tempo anche l’olimpionico Yader Zoli.

IMG_2328

la Bici adotta numerosi standard di ultima generazione:

-trasmissione a 11 velocità con la corona da 32 denti all’anteriore,
-pedivelle in carbonio Sram XX1 ,
-forcella Rock shok con lockout remoto,
-perno passante QR 15mm all’anteriore e asse passante al posteriore da 142 mm.

IMG_2330

Come ruote troviamo le famosissime ZTR crest 27,5″personalizzate con i colori del telaio, leggere e performant; i freni sono i nuovissimi Formula racing R1, tanta roba ragazzi!!

In sella si dimostra subito pronta e scattante, le prime rampe scorrono veloci sul percorso del test bike: le geometrie e il peso ridotto ne fanno un’ottima macchina “mangiasalite”. Forse si paga leggermente in discesa, quando si va sullo sconnesso con pietre e sassi: la Nearco si dimostra nervosetta, ma le coperture generose (Schwalbe Racing Ralph da 2.25″ sia davanti che dietro), danno il giusto grip e infondono sicurezza al biker.

IMG_23301

La misura provata era la S che si adatta bene anche alle persone di piccola statura, che magari non si sentono pronte al passaggio alla 29″.

La bici si è dimostrata leggera e maneggevole, forse, come già detto, un pelino troppo nervosa sulle discese più difficili , adatta sia ad un uso XC che a quello Marathon, buona la scelta della corona da 32 all’anteriore che permette di spingere bene in salita e non girare a vuoto in discesa, ottima  scelta per le ruote da 27.5″.

Complimenti alla Torpado che sta emergendo in un mercato sempre più esterofilo dimostrando che il buon lavoro e i buoni prodotti ripagano sempre, portando alto il nome di un marchio Italiano e soprattutto Veneto!!

IMG_2333