Eccoci di nuovo sulle Dolomiti per godere di una temperatura umana, mentre in città il weekend si preannuncia infernale.

Percorso spettacolare, ogni volta si percorre la strada del Pordoi a bocca aperta, senza quasi sentire la fatica, complice anche un cielo terso.

Distanza 42kmDislivello+ 1.900m – All Mountain

 

Da Arabba partiamo tranquilli, la strada è molta da percorrere e non mancheranno tratti in cui si spinge la bici a piedi, percorriamo la pista da sci che costeggia il primo tratto di strada verso il passo Pordoi, e appena giunti sulla statale ci guardiamo un pò attorno:

P1070707

P1070708

Il Pordoi secondo noi è un’ottima salita per la partenza di un giro: la pendenza è sempre lieve, il paesaggio unico e in poco tempo si arriva in cima, con grande soddisfazione. Seguiamo poi le orme della Hero per scendere a Canazei, il nostro sentiero ci regala il Sasso Lungo.

P1070725

Ombre’s art

ombre's art

P1070732

P1070733

E qui il primo imprevisto: avevamo deciso di fare un pranzo leggero per non appesantirci ma ecco che a Canazei qualcuno ha avuto la bella idea di aprire un baracchino di panini belli grassi con i wurstel, abbiamo provato a frenare e a cambiare rotta, ma non c’è stato nulla da fare….ci siamo finiti dentro come le api sul miele.

P1070737

Panza piena e gambe pesanti ci avviamo placidamente verso la salita al Lago Fedaia, un bel sentiero nel bosco fa da cornice alla prima parte di salita, ecco l’Architetto che si staglia illuminato dal sole.

P1070746

Breve intervallo di statale ed ecco apparire alle nostre spalle la Marmolada.

27--07-2013- arabba

La seconda parte di salita invece è un attimo più ostica, parecchie volte dovremo scendere dalla sella e spingere a piedi

P1070755

Fatica che verrà largamente ripagata dal panorama

lago fedaia

Giriamo intorno al lago e prendiamo lo sterrato che ci porterà al Passo Padon, gli ultimi 300 metri di dislivello e di passione, con una leggera pioggia che però in cima metterà la ciliegina sulla torta, sottoforma di arcobaleno, a questo punto mancavano solo Heidi e le pecorelle.

passo-padon

P1070771

Decidiamo di tornare ad Arabba scendendo verso Col d’Ornella…non c’è verso…ogni volta che ci infiliamo in quella valle troviamo un percorso più difficile della volta precedente.

Prima parte sentiero in discesa ripido, sassoso, scivoloso, insomma brutto, non consigliabile a meno che non abbiate una bici da DH e tanto manico; seconda parte pedalabile e godibile, con piccoli insediamenti di fienili che ogni tanto appaiono sul percorso, ancora lontani da qualsiasi strada percorribile con le auto.

P1070774

Anche questa volta veloci incursioni dal macellaio e in enoteca allieteranno la serata: Andrea C. ed Emiliano daranno vita ad un filetto in crosta classico, con foie gras e tartufo; per buttarlo giù Lagrein dunkel Niedermayr

P1070775