Il Brand Pinarello, che nella bici da corsa è sinonimo di ottimi prodotti e telai non convenzionali, anche sulle mountain bike non smentisce la sua fama: da qualche anno ormai questa disciplina rappresenta un ramo molto interessante per la casa di Treviso che continua a sfornare modelli a dir poco unici.

La Dogma XC, una front senza compromessi,  aveva già lasciato tutti a bocca aperta, ma con la Dogma XM,  ci troviamo di fronte a una bici non convenzionale, un mix di innovazione e tecnologia tutto made in Italy.

dogma 2

Estetica indiscutibile e asimmetria del telaio sono da sempre caratteristiche di Pinarello; in questa bici la forza sta tutta nel nuovo sistema a 5 punti di rotazione del carro asimmetrico, contro i sei che normalmente caratterizzano le biammortizzate in commercio.

Eliminando il 6° punto di rotazione grazie al carro ONDA CURVE ASYMMETRIC  e sostituendo i cuscinetti con boccole Igus, Pinarello dichiara di aver eliminato il punto debole dei telai biammortizzati, eliminando peso e facendo intervenire l’ammortizzatore solo al bisogno sullo sconnesso( tra l’altro senza bisogno di intervenire manualmente), mantenendo la rigidità di una front in salita e su asfalto.

Ammortizzatore che poggia su un monolink ricavato al CNC, asse passante da 142 al posteriore e perno passante all’anteriore, freno posteriore posizionato sul fodero basso sinistro, garantendo massima stabilità in frenata e monoscocca in carbonio del telaio, fanno di questa bici un assoluto gioiello di tecnologia.

DOGMA 6

Questa 29 pollici ci ha sopreso soprattuto per la facilità di guida: la bici in prova non era il massimo in quanto a leggerezza, sicuramente era esteticamente bellissima e curata nei dettagli, ma ancora migliorabile con componenti di maggior pregio.

Avevemo a disposizione sulla bici in prova :
-trasmissione Xt completa 10 velocità
-forcella float 29″ con finitura kashima 100
-ruote dt swiss Xr1400 29″
-ammortizzatore Marzocchi XM

dogma 1

-pipa, manubrio  e reggisella Cronoltech

dogma 3

qui sotto il modello esposto in fiera a Padova

dogma 4

Conclusioni:

Bici indiscutibilmente fedele a quanto dichiarato dalla casa, in salita nessun movimento e in discesa sembrava di volare, sullo sconnesso una full maneggevole e sicura, le ruote da 29 pollici davano grip e permettevano di superare gli ostacoli con magnifica facilità e sicurezza.

Un gioiello che vale la pena di provare anche solo per il gusto di poterlo raccontare, chi se la può permettere sicuramante non sbaglierà l’acquisto!